La Compagnia Gino Franzi nasce come associazione di volontariato ONLUS regolarmente riconosciuta dalla Regione Veneto nel 2003.

Realizza spettacoli ed iniziative culturali recuperando canzoni, pezzi recitati e filmati dei primi 50 anni del ‘900 e cercando di far rivivere lo spirito della Rivista Musicale e, attraverso essa, la storia d’Italia di quel tempo.

 

Gli obiettivi dell’attività sono fondamentalmente tre:

 

Per quanto riguarda l’impegno sociale a favore degli anziani e dei giovani la compagnia organizza le seguenti attività:

  • Lezioni sussidiarie di storia nelle scuole medie superiori utilizzando come strumenti di insegnamento anche il teatro e le canzoni
  • Percorsi di musico – teatro terapia per la demenza senile e la malattia di Alzheimer
  

 FOTO SM

 

 

 

Per ottenere risultati significativi viene applicata una metodica rigorosa nell’allestimento dei testi, vengono utilizzati costumi d’epoca, immagini originali e si gode della collaborazione di musicisti professionisti e di un Comitato Artistico Culturale, che esprime indirizzi dal punto di vista storico, letterario, didattico, artistico e grafico, geriatrico e della comunicazione.

 

L’attività culturale e teatrale della Compagnia prevede, soprattutto in occasione di ricorrenze della nostra storia (centenario della guerra di Libia, centenario della grande guerra ecc.) delle conferenze e delle mostre con materiale originale dell’epoca aperte gratuitamente a tutta la cittadinanza. Contemporaneamente vengono allestiti e presentati spettacoli a sfondo storico, che cercano di raccontare gli eventi anche divertendo attraverso il teatro e le canzoni. Vengono inoltre organizzate delle “Conferenze in scena” in cui si tratta un argomento letterario o storico alternando i relatori con cantanti ed attori.

 

La Compagnia collabora per questa attività con importanti istituzioni con cui attua progetti speciali come il Comune di Verona, l’Istituto Ville Venete della Regione, il Provveditorato agli Studi della Provincia di Verona, la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani e partecipa dal 2014, sempre con titoli diversi e con testi scritti autonomamente, alla Rassegna Estiva dei Cortili del Comune di Verona.

 

La Compagnia ha anche scritto il volume “100 canzoni della nostra memoria, la storia d’Italia attraverso la musica, 1900-1958”. Un modo di raccontare la storia attraverso la voce del popolo, quello delle canzoni.

Il libro viene utilizzato dagli animatori delle case di riposo come strumento per coinvolgere attivamente gli ospiti, sfruttando la musica che attiva la memoria, ma anche come testo sussidiario nelle scuole.

Secondo il Presidente: "l’intrattenimento degli anziani non ha un valore semplicemente ludico, ma costituisce una necessità  sociale e, probabilmente, anche uno strumento per migliorare le capacità cognitive: sembra che ciò si ottenga soprattutto stimolando la memoria storica e, con essa, elementi autobiografici".

 

 

copertina

 

 

 

Torna su